tazza piccola
SEGUIMI SU:
ITALIANO
freccie lingia
Condividi
9/27/2012
Francesco Sanapo
NOI SIAMO NATI PER VINCERE.

Penso che queste parole mi suoneranno in testa per tante altre volte, sono le parole pronunciate da Tommaso, un ragazzo della mia età colpito dalla sindrome di down e sono state dette con un entusiasmo contagioso e travolgente, e forse proprio per questo posso dire che ne è valsa assolutamente la pena!!! Credo proprio che quest'’evento organizzato e voluto dal team di “Pausa caffè Festival” è stato uno degli eventi a tema caffè più bello mai organizzato e sono anche dell’idea che “IO BEVO CAFFÈ DI QUALITÀ” è stata una delle manifestazioni più straordinaria di sempre. Vi spiego il perché:

Nuova vita per il caffè: si è cercato di mettere in mostra i suoi lati trascurati e spesso anche sconosciuti. Penso che per la prima volta in Italia si sia fatto del “Cupping” in una caffetteria (e spero di essere smentito), per la prima volta i clienti appassionati e professionisti del settore si sono trovati a vivere una vera sessione d’'assaggi, utilizzando la stessa lingua parlata nei paesi d’'origine dagli stessi produttori, mi riferisco al Q grading system: si tratta di una speciale licenza rilasciata da coffee quality institute ad assaggiatori certificati dopo aver superato degli esami distribuiti nell'’arco di tre giorni e suddivisi in 22 sezioni che trattano la classificazione del verde, l'identificazione del torrefatto, assaggio e capacità sensoriali –

Uno di questi corsi si svolgerà prossimamente in Italia a cura di Tracy Allen, e se vi fidate di chi l'’ha già fatto è assolutamente da non perdere. Info su www.brewedbehavior.com. oppure potete venire al prossimo evento di IO BEVO CAFFE’ DI QUALITA’ ;-)

Entusiasmo: penso che sia la parola più adatta per esprimere le emozioni che abbiamo vissuto in quelle ore passate insieme, raccontandoci le nostre idee e le nostre esperienze e a condividerle con colleghi e clienti.

Valorizzazione: abbiamo valorizzato il caffè nel posto dove molte volte viene ignorato da clienti e operatori, dedicando alla tazzina 30 secondi per la preparazione e 10 secondi per buttarlo giù. Noi ci abbiamo messo 3 ore ;-)!!!

Nuove scoperte: alla scoperta dei differenti metodi di estrazione del caffè, seguiti dalla degustazione e conoscenza di nuove sensazioni aromatiche.

Arte e professionalità: mini sfide di latte art coinvolgenti e di grande spettacolo.

Tutto questo è stato “IO BEVO CAFFE’ DI QUALITA’”, un vero format ricco di argomentazioni. Spero che dopo l’'evento di Firenze, ne seguiranno tanti in tutte le città d’'Italia, dal nord al sud e spero che la casella postale di Pausa caffè festival sia intasata dalle vostre richieste di realizzazione dell'evento presso le svariate piazze e caffetterie italiane, perché vi assicuro che è il modo più divertente di raccontare il caffè.

Lascio la parola a chi è stato presente…

Commenti
0
Nome (*)
Email (*)
codice
Inserisci qui il testo (*)
logo sanapo