tazza piccola
SEGUIMI SU:
ITALIANO
freccie lingia
maschera foto
tag.
Condividi
6/30/2011
Francesco Sanapo
Alla scoperta dei migliori coffees bar made in New York...

Ho seguito una mappatura già diramata in un articolo dal giornalista Oliver Strand del New York times con il seguente titolo: "“New York is finally taking its coffee seriously”"

In poche parole a new york il caffé è “cosa seria”. Ed effettivamente è quello che anche io ho percepito. Nel giro che ho fatto ho notato un'attenzione maniacale all’'alta qualità, baristi di straordinaria professionalità, bar dal design semplice e studiato in tutti i suoi minimi particolari e tutte queste cose hanno acceso in me un forte desiderio di apprendere e capire più da vicino questo nuovo concept. Ho sempre pensato che il concetto di coffee bar ci appartenesse visto che siamo la terra di nascita dell’'espresso, e sono sempre stato orgoglioso dei miei predecessori e maestri, ma non posso non osservare quanti passi avanti sono stati fatti dai nostri colleghi all'’estero, fatto sicuramente dovuto all'’internazionalità del mercato: ormai l’'espresso è diffuso ma soprattutto studiato in tutto il mondo, non basta più il logo “MADE IN ITALY”. Dobbiamo guardare avanti e capire come rinnovare quello che i nostri geni del passato hanno realizzato e come poter onorare la nostra storia, ma ho la sensazione che il nostro settore in Italia sia rimasto fermo nel passato, facendoci perdere anno dopo anno quel rispetto e orgoglio che con fatica i nostri antenati hanno conquistato. È vero, la nostra industria del caffè è la più forte al mondo, ma forse dovremmo, con un po'’ di umiltà in più, capire cosa succede all’'estero, e non come spesso accade avvicinarci ad altre culture con la convinzione di essere i migliori e di non dover imparare nulla. Io penso che il confronto sia necessario ed efficace per potersi migliorare e rafforzare la propria conoscenza.

Nei coffee bar che ho visitato ho notato la semplicità dei contenuti, un menù che si limitava a soddisfare in maniera totale le differenti esigenze del cliente, l’'attore protagonista era solo il caffè estratto con diverse tecniche e di diverse provenienze; altrettanto vale per il cappuccino perfetto nel gusto e nell’'aspetto visivo (latte art allo stato puro). Oltre alla bellezza dei coffee bar devo assolutamente sottolineare lo stile dei miei colleghi new yorkesi, baristi con la B maiuscola. Alla mia richiesta di maggiori informazioni su quello che stavo bevendo il barista che avevo davanti ha cominciato a descrivermi con perfetta minuziosità le caratteristiche dell’espresso che di lì a poco avrei degustato: un’'esperienza positiva e un buon espresso. Tra me e loro è nata subito una forte intesa, forse perché parliamo la stessa lingua, ma soprattutto perché siamo uniti dalla stessa passione. Iniziamo a fare i nomi: Stumptown coffee roaster : 18 W 29th St.New York, NY 10001 E’ un bar dal design semplice ed accogliente, staff preparato, la miscela nasce dal commercio diretto con piccoli produttori ed è realizzato con alcuni dei migliori caffè latino-americani e dell’'Africa orientale. La miscela cambia stagionalmente al fine di servire un caffè adatto ai differenti fattori climatici. In tazza profumo Floreale e di nocciola, dall’'equilibrio perfetto e dalla dolcezza infinita.

Domani continueremo parlando del “Blue Bottle Coffee roaster”.

imodium rapid imodium koncerty imodium plus
Commenti
0
Nome (*)
Email (*)
codice
Inserisci qui il testo (*)
logo sanapo